La collezione per Art Rights Prize



Con questa collezione ho partecipato alla mostra finale di Art Rights Prize.

Un contest che presentava le opere di artisti di tutto il mondo, appartenenti a differenti categorie che durante il periodo del lockdown non si è fermato e ha organizzato una mostra d’arte virtuale all’interno di Lieu.city (città virtuale).

Un'idea pazzesca insomma!


Premetto che l’esperienza a questo Contest in quanto Artista Digitale, mi ha dato la possibilità di vedere ciò che gli altri propongono e come lavorano. Rimango sempre affascinata dalle mille variabili con cui si può usare il digitale e da come viene percepito nei diversi paesi del mondo.

E’ un settore assolutamente in evoluzione.

L’arte è libera e spazia.

Quindi se tu che leggi stai valutando se partecipare o meno ad un Contest o ad un premio d’arte, beh ti consiglio di farlo. Potresti sorprendentemente avere la possibilità di finire tra i finalisti o meglio ancora di essere uno dei vincitori (te lo auguro!) e perchè no, conoscere i tuoi “colleghi” confrontarti con loro e chiedere dei consigli ai più esperti.

Espandere il proprio network è sempre cosa buona e giusta: io l’ho fatto e con alcuni sono rimasta in contatto.


Le opere appartengono alla mia prima collezione di Vinili Dodici Pollici.

Una collezione in continuo aggiornamento (approfondirò l’argomento in un secondo post).


In ordine sono Overwhelming Vinyl, Energetic Vinyl e Sad Vinyl.


La descrizione che le accompagna è quanto segue.


"Quando abbassi l’ago del giradischi l’incisione fonografica prende forma.

Insieme al suono delinea la sagoma di un’emozione.

La musica coinvolge tutto di noi.

Ci sono canzoni che liberano e travolgono.

Ci sono canzoni che sprigionano energia: o implodi o esplodi.

Ci sono canzoni che rendono a pezzi."


Grazie a chi ha reso possibile tutto questo.

Grazie all’arte.

Post recenti

Mostra tutti